Anatomia del gatto

Aggiornato il: mag 10


Lo Scheletro

L’ anatomia del gatto è totalmente basata sulla caccia. 

Lo scheletro è costituito in media di 245 ossa mentre gli esseri umani ne hanno solo 206. La combinazione di ossa leggere con una struttura molto forte e di oltre 500 muscoli hanno creato il cacciatore perfetto.

Nei nostri gatti domestici il principio di base è lo stesso, non importa di che razza stiamo parlando, ma ovviamente ci sono piccole variazioni nella struttura del corpo e la dimensione delle singole razze. Il persiano è un esempio di un gatto con una struttura a corpo compatto quando lo si confronta con il siamese che ha un corpo più snello e più alto. 

La cosa più notevole è la spina dorsale flessibile ,che va dal cranio fino alla punta della coda. Tra le vertebre toraciche ci sono dischi, proprio come negli esseri umani ,solo meno strettamente collegati.

Quanto è flessibile la colonna vertebrale si può vedere quando il gatto si lava, dorme in quella che sarebbe una posizione scomoda per noi esseri umani, o fa un salto difficile. 

La colonna vertebrale flessibile, insieme ad un organo di equilibrio molto ben sviluppato nell’orecchio interno ,significa che il gatto, quasi sempre, atterra su tutte e quattro le zampe.

Le scapole sono attaccate alle costole e alle zampe anteriori (anche al collo e alla colonna vertebrale), questo fa del gatto un arrampicatore molto sicuro e un artista  di eccellente equilibrio. 

La gamma di movimento è dovuto anche al fatto che le scapole sono collegate direttamente alla prima articolazione della zampa anteriore. 

Le ossa superiori delle zampe posteriori aderiscono al bacino e formano un’articolazione  comune.

Le zampe posteriori del gatto sono forti e muscolose, ed è  la ragione per cui possono  saltare così in alto anche da una posizione eretta …….. il gatto può saltare fino a sei volte la sua lunghezza. 

Un altro segno che il gatto è creato per la caccia ,è il fatto che ha locomozione digitigrada, cioè cammina sulle sue dita. Gli animali digitigradi sono cacciatori più efficienti, perché questo tipo di camminata allunga la falcata e accelera il movimento, dato che solo una piccola area del piede tocca il suolo ,permettendo alle gambe di muoversi molto rapidamente. Il gatto è molto veloce quando è  a caccia, ma solo per brevi distanze.


Gli artigli

Ogni zampa anteriorie ha 5 artigli, mentre ogni zampa posteriore  ne ha solo quattro. 

Gli artigli sono usati per la caccia e l’arrampicata e  sono inoltre li sfodera quando deve difendersi per qualche ragione.

La maggior parte dei gatti spinge fuori le unghie quando  stanno godendo  per qualcosa. 

Estirpare le unghie è una grande mutilazione per un gatto e non  è mai, in nessuna condizione accettabile. Questa procedura è vietata dalla legge in molti paesi, ma purtroppo è una cosa che avviene regolarmente negli Stati Uniti.

Ogni artiglio ha 2 ossa dei piedi. Il legamento elastico rende possibile per il gatto spingere fuori gli artigli o tenerli all’interno di una guaina e una volta che gli artigli sono dentro la zampa, il legamento li fissa, bloccando il tendine alle ossa. 

Affilare gli artigli è un comportamento istintivo e nulla si può fare cambiare questa situazione. I gatti che sono liberi di uscire avranno alcuni luoghi preferiti dove possono affilarsi le unghie, il problema sorge quando il vostro gatto è un gatto che vive solo in casa. Ma è possibile insegnare al vostro gatto dove affilare i propri artigli anche all’interno. Si tratta solo di dargli alcune alternative , come tiragraffi o una sedia vecchia, che siano meglio del tuo divano o della tua poltrona preferita. 


Gli artigli rendono possibile  al gatto di essere uno scalatore eccezionale, quando la scalata è verso l’alto, ma dal momento che gli artigli sono rivolti all’indietro non funzionano quando il gatto deve scendere.


I denti

Il gatto adulto ha 30 denti, 16 nella parte superiore della bocca e 14 nella parte inferiore della bocca. 

Un gattino ha 26 denti in totale e il passaggio da denti da latte a denti permanenti avviene tra i tre e i sei mesi. I quattro lunghi denti canini sono utilizzati per proteggere e uccidere la preda e sono anche usati per strappare la carne dalle ossa. 

I premolari sono posti subito dietro i canini e sono usati per strappare e ridurre la carne in pezzi di dimensioni adatte. Quando il gatto domestico è  a caccia dovrà inghiottire pezzi grossi, proprio come i suoi fratelli selvaggi. I denti anteriori sono progettati per tirare e strappare il cibo. 

E sapendo questo, vi  diventerà evidente che il cibo che diamo ai nostri gatti non è regolato sui loro bisogni naturali. Quando il gatto mangia cibo in scatola, spesso non usa  tutti i denti  e il cibo secco è schiacciato utilizzando  solo i denti premolari.

Anche la lingua ha il  suo scopo quando il gatto mangia:: la parte ruvida della lingua serve per ammorbidire il cibo e anche a staccare la carne attaccata alle ossa della preda.


La vista

Il gatto non può vedere nel buio più totale, ma ha una vista molto più acuta degli esseri umani nella penombra. 

Gli occhi del gatto hanno una capacità incredibile di adattarsi quando la disponibilità di luce cambia e sono ,come il resto degli organi del gatto ,completamente adattati per la caccia.

Essi sono posti nella parte anteriore della testa e questo rende la vista del gatto perfettamente tridimensionale.

La capacità di vedere con pochissima luce è dovuta in parte alla mobilità dei muscoli che controllano l’iride.

Alla luce solare diretta l’iride ritrae la pupilla in una stretta fessura e l’occhio interno è protetto e non può essere leso dalla luce forte.

Nel crepuscolo l’iride si dilata e permette di raccogliere più luce e di migliorare l’informazione che viene trasportata al cervello. 

Il tapetum lucidum, che ha la struttura come uno specchio, si trova nella parte posteriore della retina. 

Si tratta di una  leggera membrana riflettente che migliora l’immagine che si riceve. E questa membrana che dà il riflesso che vediamo negli occhi del gatto quando sono colpiti,  per esempio, dai fari di una automobile.

 Anche se il gatto può vedere meglio di noi in penombra, l’oggetto osservato è molto più confuso del normale. Ma dal momento che il gatto è un cacciatore , il suo unico interesse è ilmovimento della preda,  e per di più la sua vista si completa con il suo udito sensibile e la sua capacità di odorare. 

La membrana nittitante, chiamata anche la terza palpebra, aiuta a mantenere umida la cornea ed ha una funzione protettiva. Se il gatto è malato questa membrana può essere vista costantemente. 

La capacità del gatto a stare fermo per molto tempo a guardare un certo oggetto è anche  questa una delle sue abilità di cacciatore. Un gatto così concentrato su un oggetto non manca qualunque movimento, e molto bene lo sanno gli animaletti (cavallette, uccellini, mosche e falene) che hanno la ventura di arrivare sul balcone di casa….


L’udito

Usando il suo udito il gatto  è in grado di individuare la sua preda.

L’orecchio esterno può girare di 180 gradi ed è controllato da 30 muscoli diversi. 

A causa della mobilità delle orecchie il gatto può raccogliere i suoni provenienti da luoghi diversi senza muovere la testa e  questi suoni diranno al gatto dov’è esattamente la preda.

L’orecchio  del gatto può percepire fino a 65 000 vibrazioni al secondo. Il limite massimo per l’udito dell’uomo è di  circa 20 000 vibrazioni al secondo. Ciò significa che il mondo sonoro del gatto è molto più sfumato del nostro.

Questa è una cosa da tenere a mente ogni volta che ascoltiamola nostra musica preferita con il volume più alto possibile. 

Un gatto ha la capacità di riconoscere le differenze tra suoni conosciuti e suoni sconosciuti, ed  ricorda e  riconosce il suono della macchina di famiglia o il suono dell’apertura di una scatoletta di cibo. 

E ‘normale che l’udito del gatto peggiori con l’età. 

L’ orecchio esterno del gatto funziona come un barometro e  ci mostra di che umore è…


L’olfatto e il gusto

Il modo in cui il gatto odora è molto evoluto. 

L’interno del naso è ricoperto da circa 200 milioni di cellule che contribuiscono al senso eccellente  dell’odorato del gatto .

Il senso dell’olfatto di solito è usato come mezzo di comunicazione. Il gatto interpreta i messaggi e le marcature di altri gatti, l’odore che altri animali e gli  esseri umani  si lasciano dietro. 

Il gatto  è in grado di distinguere il gusto con la lingua e sembra che non reagisca a tutti i sapori dolci .

La lingua del gatto è lunga e flessibile caratterizzata da forte rugosità causata dalla presenza di tanti piccoli coni rivolti all'indietro, ideali per strappare i brandelli più piccoli di carne dalle ossa, dette papille abrasive.

Le papille gustative sono invece poste sulla punta, lungo i lati ed alla base della lingua. A secondo della loro funzione le papille hanno tre forme diverse: filiforme, sono le protuberanze con funzione abrasiva. Le papille gustative invece si trovano sulla punta della lingua, lungo i lati e alla base. Fungiformi (le vere e proprie papille gustative) e circumvallate (a funzione sensitiva).

In ogni caso lo zucchero non è qualcosa che deve  essere inserito  nel cibo che date al vostro gatto.


Il senso del tatto

Il gatto non vede solo usando i suoi occhi, ma anche il tatto. Le parti più sensibili sono la, lingua, il naso e  le zampe. 

I baffi funzionano in combinazione con vista e tatto. Quando il gatto si muove in avanti al buio o in penombra  ecco che utilizza molto i suoi baffi. 

I piccoli peli sul bordo degli occhi hanno la stessa funzione dei baffi. 

Tutti i gatti hanno anche piccoli peli  (peli di guardia) sul mento e sulle ginocchia / gomiti. Sono più facili da trovare sui gatti scuri. 

Lasciate che il gatto tenga questi piccoli peli e non tirateli via solo perché pensate  che non stanno bene sul vostro gatto,ma ricordate che hanno una funzione vitale per lui.

I peli di guardia nel pelo del gatto reagiscono anche ai contatti ed è per questo che amano essere accarezzato.

Nella pelle ci sono sensori che informano il gatto sul caldo e freddo, tra le altre cose. Questi sensori reagiscono anche ai flussi d’aria e ciò potrebbe spiegare perché alcuni gatti non gradiscono essere asciugati con il phon. 

Il naso è l’unica parte del gatto che è veramente sensibile alle variazioni di temperatura. Si presume che il corpo del gatto possa sopportare  temperature di 52 gradi C (126 ° F) senza sentire alcun fastidio dove, noi  esseri umani, possiamo resistere solo con temperature di 44 gradi C (112 ° F). 

Anche i polpastrelli del gatto sono sensibili. Li usano per leggere gli oggetti che sono  sotto i piedi mentre camminano o mentre si stanno arrampicando.

I polpastrelli possono anche raccogliere le vibrazioni molto deboli attraverso il terreno e forse è per questo che i gatti sono noti per captare in anticipo i terremoti.


Gli organi

Il cuore si trova nella parte sinistra del torace e ha quasi le dimensioni di una noce. Quando lui  riposa, il cuore del gatto batte circa 120 - 150 volte al minuto. Al tempo stesso il cuore pompa circa mezzo litro di sangue.

La frequenza cardiaca aumenta nei momenti di stress.

Nel torace si trovano anche morbidi ed elastici polmoni, ognuno circondato da un sacco polmonare. Oltre a fornire il sangue con nuovo ossigeno, la respirazione agisce anche come un meccanismo di raffreddamento, creando condensazione. Questo è importante, dal momento che il gatto non può sudare. Il gatto ha anche un altro modo di raffreddamento suo corpo. Quando si lecca il pelo, il mantello diventerà umido, e quando questa umidità evapora il corpo si raffredda un po’. Per questo motivo un gatto che sta diventando caldo, si lava più spesso. La milza fa parte del sistema arterioso del gatto. In caso si verifichi un sanguinamento, la milza sviluppa nuovi rossi. Essa contribuisce, inoltre, a distruggere i vecchi globuli rossi.

Il fegato aiuta a digerire il cibo con la produzione di bile. E 'anche un organo di disintossicazione, ma bisogna essere consapevoli del fatto che la disintossicazione non è efficiente per i gatti come lo è per molte altre specie, ed è pertanto indispensabile che il gatto non sia sovracaricato. Il fegato produce anche alcune sostanze chimiche durante la digestione del cibo e queste vengono rilasciate quando necessario. Questo meccanismo può essere facilmente disturbato in un gatto e, ad esempio, portare a un troppo grande deposito di grasso (lipidosi epatica).

Nel fegato sono anche trasformate le proteine e le vitamine.


Lo stomaco è come un sacco che è attaccato alla gola o l'esofago e il duodeno. Nello stomaco il cibo è scomposto e ridotto in poltiglia. La prima parte dell'intestino tenue è chiamato duodeno. Nel duodeno e nell'intestino tenue la polpa proveniente dallo stomaco continua ad essere sminuzzata ulteriormente e quindi passa al colon. Al termine di questo processo è il colon dove si trova una  grande quantità di flora batterica. Questi batteri non sono pericolosi, ma bisogna limitare la quantità dei batteri non utilizzati. Nel colon le feci vengono immagazzinate fino a quando non è tempo per il gatto di espellerle. I reni funzionano come una sorta di filtro  di decontaminazione e l'urina viene formata qui. Dai reni, viene trasportato alla vescica urinaria. Il gatto ha una vescica piuttosto grande e può immagazzinare l'urina per un massimo di dodici ore, a volte anche più a lungo prima che abbia necessità di urinare. I reni svolgono un ruolo importante nel regolare l'equilibrio dei fluidi corporei.


10 visualizzazioni
  • Pagina Facebook

ASSOCIAZIONE NAZIONALE FELINA ITALIANA

SEZIONE EMILIA ROMAGNA

Sede: Via Canovaccia 13

40065 Pianoro (BO)

Tel. 3387890005

P.I.V.A./C.F. IT02921340366 

info@anfiemiliaromagna.it

logo.png

© 2020 by ANFI SEZIONE EMILIA ROMAGNA

Created by CHiR GRAPHICS

  • Black Facebook Icon