ALLEVAMENTI DEL GATTO

NORVEGERSE DELLE FORESTE

IN EMILIA ROMAGNA

ALLEVAMENTO

AMBER ANGELS

di SONIA CASSOLI

CITTA'

BOLOGNA (BO)

INFO

www.amberangels.it

ALLEVAMENTO

LUCE DEI FIORDI

di L. CARRAVIERI A. ANTONACI

CITTA'

Codisotto di Luzzara (RE)

INFO

https://lucedeifiordi.com

ALLEVAMENTO

DISIR NORNIR

di KARIN PEDRONA

CITTA'

Fornovo di Taro (PR)

INFO

www.allevamentogattinorvegesi.org

 
INFORMAZIONI SUL GATTO NORVEGESE DELLE FORESTE

Questo gattone è dotato di un gran mantello ricco di sottopelo protetto da uno strato resistente all'acqua. I colori sono quelli tradizionali, con o senza bianco, con o senza tigratura, silver o smoke. Con due varianti molto vezzose: Amber e Light Amber

Classificazione FIFe e cenni storici

Paese d'origine: Norvegia. 

Si suppone che gli antenati del Norvegese delle Foreste (il nome in norvegese è Nork Skaukatt) siano esemplari a pelo lungo trovati in Turchia o altrove (probabilmente simili a quelli che oggi chiamiamo Angora Turco) e portati in Scandinavia da navigatori vichinghi, intorno al IX secolo d.C. 
Molti documenti attestano che gatti a pelo lungo e con folta coda frangiata vivevano nelle foreste norvegesi da tempo immemorabile: si trattava probabilmente degli antenati degli attuali Norvegesi delle Foreste. Avvicinati dall'uomo, sono diventati frequentatori abituali delle fattorie, dove si resero utili nella caccia ai topi e agli altri animali molesti. La prima presentazione ufficiale a una mostra felina risale al 1912. Successivamente è stato svolto un lungo lavoro di selezione per stabilizzare lo standard di razza. Il Norvegese delle Foreste è stato riconosciuto a livello internazionale nel 1977. Oggi viene allevato in molti paesi, ma molti esemplari vivono ancora allo stato selvatico. 

Carattere

L'indole è socievole e pacifica, anche se all'occorrenza sa essere vivace e attivo. Sa adattarsi bene anche alla vita domestica ma è necessario dargli la possibilità di sfogare in qualche modo le energie. Amano molto arrampicarsi e giocare (specie con topini finti, in mancanza di quelli veri) fino a tarda età. Intelligenti e affettuosi sia con gli adulti che con i bambini, creano un legame particolare con un membro della famiglia. Amano le coccole e le carezze, anche se meno rispetto ad altre razze a pelo lungo o semi-lungo. Raramente danno problemi di convivenza con il cane. Dato lo spiccato istinto territoriale, sono difficili le convivenze tra maschi; tali problemi non si hanno con soggetti sterilizzati e con femmine, purché sia adeguato lo spazio a disposizione. Sono gatti estremamente curiosi. 

Cura

 Il pelo, grasso e idrorepellente, del Norvegese delle Foreste ha bisogno di pochissime cure. E' sufficiente una pulizia una volta al mese e una passata con pettine di materiale naturale a denti larghi, evitando di danneggiare il delicato sottopelo. Durante la breve ma intensa muta, il Norvegese delle Foreste si presente simile a un gatto a pelo corto con coda vistosamente pelosa. In questo periodo (primavera) è necessario pettinarlo spesso, per evitare che, leccandosi, ne possa ingerire una grande quantità. Le orecchie devono essere pulite solo al bisogno, con prodotto appositamente formulato: dopo aver applicato poche gocce e aver massaggiato delicatamente il padiglione auricolare, rimuovere il prodotto con un panno umido.  

  • Pagina Facebook

ASSOCIAZIONE NAZIONALE FELINA ITALIANA

SEZIONE EMILIA ROMAGNA

Sede: Via Canovaccia 13

40065 Pianoro (BO)

Tel. 3387890005

P.I.V.A./C.F. IT02921340366 

info@anfiemiliaromagna.it

logo.png

© 2020 by ANFI SEZIONE EMILIA ROMAGNA

Created by CHiR GRAPHICS

  • Black Facebook Icon