ALLEVAMENTI DEL GATTO

SACRO DI BIRMANIA

IN EMILIA ROMAGNA

ALLEVAMENTO

CHEERS BEAUTY'S

di DANIELA GUERMANDI

CITTA'

PIANORO (BO)

INFO

www.cheersbeauty.it

ALLEVAMENTO

LE TERRE DI PIANURA

di GIUSEPPE SARAVALLE

CITTA'

BUDRIO (BO)

INFO

FACEBOOK Le Terre di Pianura

ALLEVAMENTO

PELLEROSSA

di STEFANIA SPECA

CITTA'

BOLOGNA

INFO

www.pellerossa.com 

ALLEVAMENTO

OCCHI DI ZAFFIRO

di LOREDANA CIGOLINI

CITTA'

SALSOMAGGIORE TERME (PR)

INFO

 www.occhidizaffiro.it

 
INFORMAZIONI SUL GATTO SACRO DI BIRMANIA

Il Sacro di Birmania é il gatto con i guanti e i calzini, con gli occhi blu blu blu, ha sempre la mascherina dello stesso colore delle orecchie, delle zampine e della coda e questi possono essere di tutti i colori: seal (marrone scuro), chocholate (cioccolato al latte), blu (grigio bluastro), lilac (delicato color lavanda), rosso (arancione chiaro) e crema (arancione pastello chiarissimo). Il corpo invece va dal beige chiaro al bianco glaciale fino al bianco magnolia. Possono avere segni di tigratura sulla mascherina, sulle zampe e anelli sulla coda.

Classificazione FIFe e cenni storici

Paese d'origine: Myanmar (ex Birmania); Nazionalità: Francia, Gran Bretagna.
Classificazione FIFe: /

Si narra che il Birmano ( o Sacro di Birmania) discenda da un’antica popolazione di gatti sacri ospitati in un tempio Khmer di Myanmar. Durante un assalto al medesimo tempio, il gran sacerdote, mentre stava in meditazione davanti alla statua della dea insieme al suo gatto bianco Sinh, venne mortalmente ferito ed il suo fedele gatto Birmano si accucciò sopra di lui rivolgendo lo sguardo alla dea. Mentre ciò accadeva, avvenne una trasformazione: il suo mantello divenne dorato e gli occhi blu zaffiro, quando si voltò verso la porta del tempio le sue zampe, il muso e le orecchie si tinsero di colore scuro della terra, ad eccezione delle zampe ancora appoggiate sul padrone morente le quali rimasero bianche candide in segno di purezza. Guidati dallo sguardo del gatto rivolto alle pesanti porte di bronzo del tempio, i monaci si precipitarono a chiuderle, salvandosi così dal saccheggio e dalla distruzione. Nello stesso tempo anche gli altri gatti del tempio subirono la stessa trasformazione trasmettendola ai loro discendenti. Sinh non abbandonò il suo padrone, e morì sette giorni dopo di lui. Quando i monaci si riunirono per eleggere il nuovo successore del Gran sacerdote videro accorrere tutti i gatti del tempio. Da ciò deriva il nome della razza, Gatto Sacro di Birmania. I primi esemplari comparsi in Europa furono una coppia giunti in Francia nel 1918. In segno di riconoscimento a un signore francese, i monaci Kittahs gli inviarono due dei preziosi e rari gatti Birmani, da loro stessi allevati e ritenuti sacri. Il maschio morì durante il viaggio, mentre la femmina, partita dal tempio già gravida partorì a Nizza la sua cucciolata, da cui ebbe origine l'intera razza. Dopo l'ultima guerra mondiale la razza fu vicina all'estinzione, in tutto il mondo rimasero solo due coppie, e da queste si partì per ottenere il riconoscimento ufficiale, ottenuto nel 1966.

Aspetto generale

Il Birmano è un gatto di medie dimensioni, di ossatura robusta col corpo leggermente allungato. I maschi sono generalmente più grandi ed hanno la zona della gorgiera più possente e la testa più massiccia rispetto alle femmine. La gorgiera è meno evidente in estate e in giovane età. Ha un portamento elegante e due magnetici occhi blu zaffiro. Di aspetto imponente, col suo lungo pelo, si aggiunge un tocco di classe con le zampe guantate di un colore bianco candido. Il netto contrasto tra le estremità scure e il corpo chiaro lo legano al Siamese. In sintonia con l'aspetto maestoso, il Gatto Sacro di Birmania ha un carattere mite e tranquillo.
Rispetto ai gatti a pelo lungo, esso matura presto e le femmine spesso vanno in calore a sette mesi d'età. Il suo mantello è più setoso al tatto rispetto quello del Persiano, ma è rispettivamente meno folto. A causa della mancanza di un folto sottopelo soffre il freddo, bisogna stare attenti quindi alle temperature rigide e alle correnti d'aria. Ha una forte e spiccata personalità. Ama parlare più che con la voce con gli occhi, gli sguardi e con tutto il suo corpo. In alcune linee tendono a manifestarsi forme di debolezza degli arti posteriori o di ostruzione nasale, che obbliga l'animale a respirare con la bocca.

Carattere

Curioso e affettuoso, alla apparenza distaccato, quasi fosse pienamente consapevole delle sue origini mistiche. Ha un temperamento attivo e reattivo, è un gatto poco vocale, con un miagolio flebile. Molto socievole e raramente aggressivo. Ama la tranquillità e la quiete ma è molto giocherellone .Adatto alla vitad’ appartamento
Sopporta alcune ore di solitudine, ma in caso di assenze prolungate è preferibile garantirgli la compagnia di un suo simile. I gattini sono molto attivi ed esuberanti, amano giocare fino allo sfinimento, comportamento questo che avranno anche da adulti. I maschi adulti tendono a ricercare la compagnia dell'uomo più dei loro simili di sesso femminile. A differenza di altri gatti, è molto attaccato al suo padrone, lo amano, lo seguono, lo cercano continuamente. Hanno bisogno delle sue attenzioni e della sua compagnia. Non è adatto a persone che cercano un gatto "soprammobile", ma è l'ideale per quelli che vogliono trovare in un gatto un amico, da vivere a pieno, un compagno con cui dialogare e giocare.

Cura

 Nonostante abbia un pelo lungo e sottile, la pelliccia setosa si toeletta facilmente perché dotato di poco sottopelo. Una o due spazzolate settimanali sono sufficienti per mantenerlo in forma. Durante il periodo di muta le spazzolate devono essere più frequenti, almeno una volta al giorno, agendo sia nel verso del pelo che contropelo, ma comunque i nodi sono rari. 
Il pelo del Birmano è molto fine per cui è necessario non essere troppo energetici per evitare di strapparlo, le spazzolate lenti e ritmiche diventano in questo modo un momento di relax. 
I guanti bianchi devono essere  sempre mantenuti puliti e privi di macchie lavandoli regolarmente,  asciugandoli con attenzione e applicando del borotalco, in secondo tempo strofinare il pelo con una spazzola, in modo da lasciare le parti bianche  perfettamente pulite e senza macchie. 

  • Pagina Facebook

ASSOCIAZIONE NAZIONALE FELINA ITALIANA

SEZIONE EMILIA ROMAGNA

Sede: Via Canovaccia 13

40065 Pianoro (BO)

Tel. 3387890005

P.I.V.A./C.F. IT02921340366 

info@anfiemiliaromagna.it

logo.png

© 2020 by ANFI SEZIONE EMILIA ROMAGNA

Created by CHiR GRAPHICS

  • Black Facebook Icon